domenica 7 marzo 2010

Vola, vola

Vola, vola

Il nostro posto è la solitudine del mondo
Luogo cercato da tutti e trovato da nessuno
Le porte di un cancello che solo a noi è consentito scavalcare
Tutto il resto è il nulla

Corri, il tuo corpo nudo solleticato da un’erba verdissima
Sorridi e sei ovunque
Mi conduci alla cima, in punta a quel monte
È il panorama che osserva te

Mi fermo a pochi passi dal baciarti
Scruto il tuo profilo mentre guardi verso l’alto
Accarezzata dal vento leggero e bella come un fiore
Sei la sola

Ti raggiungo in silenzio ponendo fine alla tua attesa
Mi svesto anch’io del pudore e ti adagio ai confini del mondo
Rantoli di follia e brividi di piacere ci accomunano nel momento vitale
Vita mia

Mentre sei distesa a terra, il cielo è puro come i tuoi occhi 
Ancora un bacio sulle tue labbra e faccio mia la tua mano 
Ti accompagno in un viaggio che è la nostra vita 
Vola, vola

5 commenti:

Maraptica ha detto...

E' s t u p e n d a ! ;)

Kylie ha detto...

Bellissima, dolce e sincera.
Un bacio

Francesco Greco ha detto...

Ciao!
Abbiamo già in passato fatto uno scambio di link con Il Blog | Attualità | Psicologia

Ti sarei grato se potessi inserire questa nuova risorsa di psicologia: www.latuapsicologia.blogspot.com

Grazie mille
Francesco

Aly ha detto...

trovo stupenda la frase "È il panorama che osserva te", veramente, bellissima.
Questa poesia, a mio parere, rispetto alle altre, è carica di un sottile e vibrante eros.. complimenti^^

Luk75 ha detto...

bella poesia, Ale...