martedì 11 novembre 2008

Citazioni

La voglia di scrivere c'è. Ma mancano le parole, come in un senso di vuoto. Per questo dedico un post ad alcune citazioni che ho trovato in qualche libro che ho letto. Inutile dire che i libri citati, sono consigliati per una buona lettura.

Promessi Sposi - Capitolo XIV - Verso 410 - "I vecchi peggio de' giovani; e i giovani..... peggio ancora de' vecchi"

Le Ultime Lettere Di Jacopo Ortis - 22 Novembre 1797 - "...ed io sono sempre in perfetta armonia con gl'infelici, perchè - davvero - io trovo un non so che di cattivo nell'uomo prospero"

Le Ultime Lettere Di Jacopo Ortis - 3 Dicembre 1797 - "Era neglettamente vestita di bianco; il tesoro delle sue chiome biondissime diffuse su le spalle e sul petto, i suoi divini occhi nuotanti nel piacere, il suo viso sparso di un soave languore, il suo braccio di rose, il suo piede, le sue dita arpeggianti mollemente, tutto tutto era armonia: ed io sentivo una nuova delizia nel contemplarla"

Le Ultime Lettere Di Jacopo Ortis - 3 Gennajo 1798 - "Il genere umano è questo branco di ciechi che tu vedi urtarsi, spingersi, battersi, e incontrare o strascinarsi dietro la inesorabile fatalità"

Le Ultime Lettere Di Jacopo Ortis - 19 Gennajo 1798 - "Io non lo so; ma, per me, temo che la Natura abbia costituito la nostra specie quasi minimo anello passivo dell'incomprensibile suo sistema"

Le Ultime Lettere Di Jacopo Ortis - 19 Gennajo 1798 - "O Sole, diss'io, tutto cangia quaggiù! E verrà giorno che Dio ritirerà il suo sguardo da te, e tu pure sarai trasformato; né più allora le nubi corteggeranno i tuoi raggi cadenti; né più l'alba inghirlandata di celesti rose verrà cinta di un tuo raggio su l'oriente ad annunziar che tu sorgi. Godi intanto della tua carriera, che sarà forse affannosa, e simile a questa dell'uomo; tu 'l vedi; l'uomo non gode de' suoi giorni; e se talvolta gli è dato di passeggiare per li fiorenti prati d'Aprile, dee pur sempre temere l'infuocato aere dell'estate, e il ghiaccio mortale del verno"

Le Ultime Lettere Di Jacopo Ortis - 29 Aprile 1798 - "Vicino a lei io sono sì pieno di vita che appena sento di vivere. Così quand'io mi desto dopo un pacifico sonno, se il raggio del Sole mi riflette su gli occhi, la mia vista si abbaglia e si perde in un torrente di luce"

Il cacciatore di aquiloni - "La quiete è pace. Tranquillità. Quando si abbassa il volume della vita. Ma quando si preme il tasto per spegnerla del tutto, resta solo silenzio."

Achille Piè Veloce - "Ridere dei piccoli dolori è sollievo dei deboli. Ridere sull'abisso è proprio degli eroi."

Il Giovane Holden - Capitolo III - "Quelli che mi lasciano proprio senza fiato sono i libri che quando li hai finiti di leggere e tutto quel che segue vorresti che l'autore fosse tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono tutte le volte che ti gira."

Il Giovane Holden - Capitolo XVIII - "Ad ogni modo, sono quasi contento che abbiano inventato la bomba atomica. Se c'è un'altra guerra, vado a sedermici sopra, accidenti. E ci vado volontario, lo giuro su Dio."

Il Piccolo Principe - Capitolo XXI - "Si vede bene solo con il cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi."

Il Piccolo Principe - Capitolo XXI - "È il tempo che hai perso per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante."

11 commenti:

stopdrug ha detto...

parole "sante"...

Matthew ha detto...

Bella rassegna. L'Achilla piè veloce mi ha copito...

Matthew ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Matthew ha detto...

"Achilla" sta per Achille e "copito" sta per colpito... Le dita scollegate dal cervello giocano brutti scherzi...

Darjo ha detto...

passa dal mio "Mad World",
c'è qualcosa che riguarda noi tutti blogger.

Anna ha detto...

Io preferisco questa d’Indira Gandhi:

Non ti desiderò una vita facile, ma che nella tua vita trovi tanti ostacoli e che gli sappia superare tutti.

Aly ha detto...

Qualla di Achille Piè Veloce l'ho trovata la più bella di tutte..

Calogero Parlapiano ha detto...

ci sono alcune citazioni che mi piacciono molto... tanti libri ne contengono di preziose... a presto, ciao

Adriano Smaldone ha detto...

eccomi qua di nuovo a passar nel blog di tutti ho avuto un po d'influenza a dire la verità ce l'ho ancora, farò il possibile per passarci ogni giorno mi raccomando dai un occhio anke al mio saluti!!

Darjo ha detto...

buon week end

icynose ha detto...

E' stupenda questa, per il senso d'inettitudine dell'osservatore e l'impotenza che esprime:

"Il genere umano è questo branco di ciechi che tu vedi urtarsi, spingersi, battersi, e incontrare o strascinarsi dietro la inesorabile fatalità"