giovedì 27 novembre 2008

L'Ultimo Respiro

L'Ultimo Respiro

Fra le fredde pagine d'inverno
solo il tuo ricordo scalda i cristalli del mio cuore
Entra nelle vene e cerca un rifugio alla tua innocenza
varcando ogni soglia, sopra ogni ostacolo

Oh! Dolce cuor mio, sciogli la tua scorza a quest'amore
Tu, che hai sofferto di grave pena
Concedi la grazia all'unico pensiero vagante
nomade, in grado di donarti lucentezza e splendore, un'ultima volta

Risale lungo il fiume della tristezza nell'attimo d'euforia
inondando di follia ogni cavità oscura
Urla come uno sfregio al pulsante rosso
Prende il suo posto, ogni respiro è un'ininiezione di vita

Lei va via, con la stessa velocità di come ti ha rapito lo spirito
Rimani solo tu, ferito nel profondo e privato della tua grazia
Hai goduto nell'ultimo istante di felicità che avidamente ti ha concesso
Hai pagato questo prezzo con il tuo battito, ogni capitolo è concluso

Rimane solo un corpo sconosciuto, esile e senza respiro
A bocca aperta, con le labbra tese ad aspettare una fantasiosa carezza

5 commenti:

VioletLostInTime ha detto...

"Lei va via, con la stessa velocità di come ti ha rapito lo spirito
Rimani solo tu, ferito nel profondo e privato della tua grazia". Come sempre tu riesci a donarmi quei sorrisi che solo tu, attraverso uno stupido schermo di un computer qualunque, riesci a donarmi. Almeno tu ci riesci (L).
Tranquillo per tutto quello che accade attorno a te.. Tutto si risolverà nel migliore dei modi. Almeno nei film succede così.. Spero per una santa volta di star vivendo in un lungometraggio. Almeno mi piace pensare a questa cosa.. Uhuh. Ti voglio bene.

Maraptica ha detto...

...e chi li ha scritti questi versi Ale? :)

VioletLostInTime ha detto...

Io mi sono persa nel tempo.

Darjo ha detto...

meravigliosi questi versi...

Ale ha detto...

grazie ;)
sono miei questi versi :)