lunedì 29 dicembre 2008

Uscita di scena

Molto probabilmente questa è l'ultima poesia del 2008, l'uscita di scena, pensando a Lei.

Uscita di scena

Giace lì una bella addormentata
Fiori bianchi ornano il sottile respiro delle sue labbra
Tende una mano fra le gambe e una poggiata sul seno
Fotografia stampata dell'ultimo piacere della notte

Capelli lunghi sorridono
Richiamano all'ordine nostalgico i miei pensieri
Urti violenti sono causati dall'incedere elegante
La mia malinconia schianta la sua ostentata bellezza

Termini sconnessi penetrano come aculei vorticosi in questa bianca notte
I suoi morsi di risate falcidiano la mia carne purificando la neve
Mentre il pianista conclude l'opera suonando gli ultimi tocchi al mio cuore
L'applauso è servito, e già non ci sono più.

8 commenti:

Kylie ha detto...

Ciao tesoro, buon martedì.
Aspetto le novità del 2009!
Baci

Maraptica ha detto...

Degna chiusura.
Beata fanciulla...
:*

Darjo ha detto...

bellissima...
e vorrei anche complimentarmi per i termini che usi, livello altissimo, poetico appunto.

Manu ha detto...

Ciao Ale, to ho fatto un regalino di Natale. Vieni sul mio blog a vedere cos'è..

Saluti, Manu

stopdrug ha detto...

sempre originale...

Ale ha detto...

vi ringrazio di cuore

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

E' stupenda. Veramente

Bravo Ale.

Daniele

mIsi@Mistriani ha detto...

il titolo mi faceva pensare ai marlene..[ma forse sn io che li collego a tutto]

cmq regge il paragone,anche con godano[sarà una bestemmia per molti,ma per me quell'uomo è davvero un gran poeta]